Posts by

110 of 25 items

TI MANGIO IL CUORE di P. Mezzapesa

by

Presentato in anteprima alla sezione Orizzonti della 79esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia 2022, “Ti mangio il cuore” è un film diretto dal pugliese Pippo Mezzapesa. Il film trae ispirazione dal romanzo d’inchiesta sulla mafia del foggiano, la quarta mafia italiana, scritto da Carlo Bonini e Giuliano Foschini e racconta di fatti realmente accaduti, riferiti alla prima pentita della mafia foggiana Rosa Di Fiore. Girato in bianco e nero, scava nell’abisso inesplorato della società foggiana.

SUOR MARIA DE COPPI – Esempi di vita missionaria

by

Il 6 settembre 2022, a seguito di un attacco terroristico avvenuto in Mozambico, Stato dell’Africa Meridionale, si è spenta all’età di 83 anni suor Maria De Coppi, missionaria comboniana originaria della cittadina veneta di Santa Lucia di Piave. La donna, classe 1939, ha una lunga e toccante storia.

Si riparte!
Giovanissimi e post-cresima in viaggio per conoscere Dio

by

Si è conclusa da poche settimane l’esperienza di campo-scuola vissuta
dai gruppi giovanissimi e post-cresima della nostra parrocchia presso l’ostello Mamre a Santeramo in colle. Per alcuni è stata la prima esperienza, per altri no, ma tutti allo stesso modo sono riusciti a mettersi in gioco ed aprirsi gli uni verso gli altri senza paura

SUICIDIO ASSISTITO E SEDAZIONE PROFONDA

by

Continua, in questi giorni, il dibattito nel nostro Paese sul fine vita e sulla necessità di approvare o meno la legge sull’eutanasia.

Attualmente, è bene ricordarlo, in Italia l’eutanasia è ancora illegale. Questo significa che non è ancora possibile chiedere a nessuno di procurare la propria morte, nemmeno in quei casi in cui una persona sia affetta da malattia irreversibile. Tuttavia, esistono oggi altre strade per chiedere e anticipare la propria morte.

UNA CONFERMA DA SUPPORTARE COI FATTI
Cambio di rotta vincente nella politica barlettana

by

Finalmente dopo una lunga campagna elettorale Barletta ha il suo sindaco: Cosimo Damiano Cannito.  Cannito, sindaco uscente, ha sconfitto Scommegna con il 65% dei voti: una vittoria quasi schiacciante. Specializzato in Medicina interna, è stato primario del Pronto Soccorso di Barletta dal 1992 al 2018, anno della sua elezione a Sindaco. Classe 1951, è stato […]

LEGALITÀ AI TEMPI DELLE AMMINISTRATIVE

by

Si avvicinano le elezioni amministrative del 12 giugno per eleggere sindaco e Consiglio Comunale. Invitiamo i lettori a riflettere sulla legalità a partire da alcune iscrizioni presenti sul lato laterale della Cattedrale, Santa Maria Maggiore. Una ricorda che nel 1528 Barletta fu saccheggiata e distrutta per la discordia dei cittadini, dai francesi, capeggiati da Francesco da Ceri. Un altro episodio, ricorda quello della Disfida di Barletta. Vi è scritto: del Gran Capitano in Barletta nell’anno del Signore 1503 fu la Grande Vittoria. Queste due iscrizioni, ci inducono a ridisegnare l’idea di legalità soprattutto in tempi di elezioni amministrative.

CODA
I segni del cuore di Sian Heder

by

Nella cerimonia di consegna dei premi più importanti del mondo cinematografico a trionfare quest’anno è una storia di testimonianza di vita vera interpretata da attori, realmente sordi, che hanno recitato nella lingua dei segni. CODA è un acronimo, Children of Deaf Adults, ovvero figli udenti di genitori sordi, quindi l’esatta descrizione della condizione della protagonista.

QUANTE SONO LE STELLE DEL CIELO
Lettere di un amore infinito

by

A 30 anni dalla morte di Ruggiero Peschechera, vogliamo ricordarlo, invitando i lettori a leggere e rileggere un testo splendido e straordinario, Quante sono le stelle del cielo, lettere di un amore infinito, scritte durante la sua malattia e indirizzate a Mariella, alla quale Ruggiero arriverà a confidare ogni suo momento di gioia e di sofferenza. Per quanti non hanno avuto la fortuna di conoscerlo, di seguito presentiamo, un quadretto biografico e spirituale di Ruggiero.

SORRISO E FEDE CONTRO OGNI SOFFERENZA
La testimonianza di Giuseppe Ricatti

by

Giuseppe Ricatti, scrittore, musicista e catechista, vogliamo ricordarlo a otto anni dalla sua scomparsa, il 17 maggio del 2014 per un carcinoma metastatico all’addome. Giuseppe nonostante le grandi difficoltà della vita ha sempre coltivato con gioia le sue passioni, tra cui la scrittura, in particolar modo per la poesia, oltre ad essere stato maestro di chitarra e un eccellente educatore per tanti bambini e ragazzi.