Fratelli e sorelle,
l’anno si è concluso. Due appuntamenti ci aveva- no affascinati: il 40° anniversario della istituzione della parrocchia e il 25° della dedicazione della chiesa e della consacrazione dell’altare. La Santa Sede aveva generosamente concesso di godere dell’indulgen- za plenaria: un bene soprannaturale di straordinaria efficacia che ci ha accompagnato in un cammino di santità. In una lo- gica umana si effettuano bilanci, si riconoscono perdite e si accumulano profitti. Altri utilizzano la terminologia dei punti di forza e punti di debolezza. Ammiro il coraggio di chi vuole a tutti i costi fare bilanci e poi, ovviamente esprimere giudizi, promuovere e bocciare. Attività piuttosto complicata a scuola, impossibile farlo a livelli soprannaturali.

È la grazia di Dio la protagonista. È la tua generosità aperta al Signore perché ti guidi, Lui, in un cammino di santità. Si po- teva fare di più, certo. Potevano realizzarsi meno iniziative. Co- munque, una parrocchia viveva, cercava di vivere la sua vita di comunità, famiglia di famiglie nella Paternità divina, guidati dal Buon Pastore, sostenuti e illuminati dallo Spirito di amore. Forse il Signore ha dovuto correggere tante nostre imperfezioni, e col- mare lacune di generosità ed impegno… ma non ci ha dovuto buttare giù dal letto. Noi eravamo, e siamo qui, a lavorare nella vigna del Signore senza rivendicare meriti e promozioni e, ma- gari, il favore popolare. Quante volte abbiamo spiegato le paro- le: “operai” per avere i quali il Signore della messe chiede che si preghi. Ma non perché siano tanti ma perché ERGATES = ERGON = ENERGIA. Abbiamo volontà di lavorare per il Signore, senza gradi, fanfare, piedistalli e… insieme, come famiglia.

E in una famiglia, la famiglia di Dio = la Chiesa, si sta insieme, ci si capisce, ci si perdona e si rimane, pronti ad impegnarci. I frutti dello Spirito, ci dice S. Paolo (Sal 5,22) sono nove, ma S. Girolamo usa una versione più lunga, dodici, e li riporteremo adesso: carità (o amore), gioia, pace, pazienza, benevolenza (o gentilezza), cari- tà, longanimità (grandezza d’animo), mitezza (o dolcezza), fede, modestia, continenza (o autocontrollo), castità. I frutti aggiunti da S. Girolamo sono appunto: longanimità, modestia e castità. Sono i frutti dell’opera in noi dello Spirito Santo. Sono i segni di una comunità carismatica, dove non ci sono sceriffi o solisti, in- quieti e scoraggiati, euforici o depressi… ma figli di un Padre che ci vuole fratelli e famiglia. E ci ha affidato i sacramenti, ci chiede di celebrare anche più volte al giorno il memoriale della morte e resurrezione di Suo Figlio, ogni giorno ci permette di assolvere dai peccati, e… di introdurre nella chiesa attraverso il Battesimo altri figli e benedire i giovani che celebrano il matrimonio…

Ogni anno è anno santo. Questo lo è stato per motivazio- ni particolari, ma sempre, se vuoi, puoi compiere un cammi- no di conversione, puoi accostarti ai sacramenti, puoi ricevere formazione, anche se in un contesto a volte di mortificazione. Girava una foto con la seguente espressione, condivisibile: “La vita a volte ci maltratta un po’, ma solo per farci diventare per- sone migliori”. Non è, ovviamente, Parola di Dio, ma accettare con amore la fatica del vivere in comunità e rimanerci, è mor- tificazione passiva, criterio di un autentico cammino di santità. Dove non si usa il pronome personale “io”, ma il plurale “noi” insieme. OMNES CUM PETRO AD JESUM PER MARIAM. Tutti con la Chiesa verso Gesù per Maria. Insieme, CHIESA SANTA FORMATA DA PECCATORI. Il Signore ci doni di imparare sem- pre meglio a camminare insieme – dicono SINODO –, a non lasciare indietro nessuno, ad ascoltare tutti, anche chi parla a bassa voce pregando, chi urla, ad abbassare la voce. INSIEME con Gesù. Un’unica famiglia. Dove ci si perdona, ci si vuol bene. E ora, quali conseguenze? I frutti dell’Anno Santo.
Prima di tutto, da Gesù di cui si diceva: “Ha fatto bene ogni cosa, ha fatto udire i sordi e parlare i muti” (Mc 7,37).

Un linguaggio nuovo, l’ascolto di tutti, il fare bene quello che normalmente fai. È passato Gesù: mi ha rialzato, perdona- to, incoraggiato, ora ascolto Dio che mi parla e parlo le parole di Dio. Una logica nuova fatta di accoglienza e che promuo- va e che ci rialzi. Una fede più ardente che ci aiuti in una vita che per alcuni è piena di sofferenza e che comunque è difficile per tutti. Una pastorale, un apostolato che non deve riportare le lancette dell’orologio al prima della pandemia, ma al dopo per una parrocchia rinnovata, ma non perché si facciano tan- te iniziative nuove, magari, ma quello che si riesce a fare lo si faccia con uno spirito nuovo. Un’aria più fresca, più frizzante, piena dell’ossigeno della grazia di Dio, riscaldata dall’amore per la preghiera. Lo sognate voi fedeli, a maggior ragione, lo sogniamo noi preti che abbiamo dato la vita. E non per tirare a campare, ma per il sogno dell’eterna giovinezza dello Spirito. Pensate: SIAMO FIGLI DI DIO!

don Pino Paolillo

Condividi