Patris corde (con cuore di padre) s’intitola la lettera apostolica firmata da Bergoglio lo scorso 8 dicembre nel giorno in cui si ricordava il 150° anniversario della proclamazione di san Giuseppe a patrono universale della Chiesa. In occasione di questo anniversario papa Francesco ha deciso di indire uno speciale anno di san Giuseppe. Nella sua lettera elenca le qualità del santo falegname: tenero, obbediente, accogliente, creativo, lavoratore, umile; descrive sette aspetti particolari dello sposo di Maria, rileggendoli alla luce dell’attualità. Ricordando la fuga della famiglia di Gesù in Egitto per fuggire dalla violenza, ad esempio, il Papa indica in san Giuseppe uno speciale patrono per chi anche oggi deve lasciare la propria terra a causa delle guerre, dell’odio, della persecuzione e della miseria. Nel nostro tempo, inoltre, davanti all’emergenza crescente della disoccupazione, lo sposo di Maria, nota il Pontefice, ci ricorda che il lavoro dona dignità e permette di collaborare con l’opera di Dio. Infine Giuseppe ci mostra cosa significa essere davvero padri che sanno educare i propri figli nella libertà.

Francesca Leone
professoressaleone@gmail.com